pasticceria-internazionale-prima-blanca-1100x150-2.gif
banner_pasticceriaextra.jpg
Giovedì, 13 Giugno 2019 15:40

Sylvia Weinstock, la regina delle torte

Chase Hall for The New York Times. Chase Hall for The New York Times.

89 anni, originaria di Brooklyn, una vita dedicata alla pasticceria

Meglio nota come la regina delle torte: Sylvia Weinstock, 89enne originaria di Brooklyn, è stata definita anche il Leonardo Da Vinci delle torte. Vive nel quartiee TriBeCa in Manhattan e ha tre figlie.
Sono celebri i bozzetti delle sue torte nuziali, realizzate con ingredienti di qualità, per assicurare gusto e freschezza: “Per essere un buon pasticciere, devi conoscere il materiale con cui stai lavorando, oltre ad essere creativo”, specifica.
Sylvia ha elaborato torte nuziali per Michael Douglas, Catherine Zeta-Jones, Billy Joel, Mariah Carey, Sofía Vergara, Oprah Winfrey, Kim Kardashian e Martha Stewart, solo per citarne qualcuno. Eppure ha cominciato a realizzare torte in maniera professionale solo a 50 anni, dopo aver combattuto e superato un cancro al seno.
La signora, ex insegnante di scuola a Long Island, aveva un negozio sulla Church Street, a Manhattan, che ha chiuso all’inizio del 2018, dopo che suo marito, Ben Weinstock, si è ammalato. Ha quindi iniziato a collaborare con la pasticceria parigina Ladurée per la creazione di una linea di torte nuziali e mini dessert chiamata Sylvia Weinstock pour Ladurée. La sua storia professionale nel mondo della pasticceria ha inizio quando William Greenberg, panettiere dell'Upper East Side, in affari dal 1946, comincia a passarle degli ordini e le consiglia di entrare nel business delle torte. Nel 1980 confeziona torte su commissione e, al momento della chiusura del negozio sulla Church Street, Sylvia vantava uno staff con più di 15 persone. Un piano era usato per accogliere le persone e per realizzare i fiori; la cottura, la glassatura e le strutture dei dolci venivano fatte al terzo piano, mentre l’ascensore portava le torte al seminterrato, adibito a passaggio al frigorifero. Lei viveva al quarto e al quinto piano.

Tra le sue creazioni più insolite vi sono quelle intagliate a forma di Bentley con le figure degli sposi sedute all’interno; la riproduzione della casa che la coppia comprò con un cartello in vendita che diceva just married; una scatola con all’interno le scarpe per Steve Madden. E Sylvia ha aneddoti da raccontare anche sulle emergenze dell’ultimo minuto, come quando ricevette una chiamata dal responsabile del banchetto alle 19,30 di sabato sera, perché qualcuno aveva danneggiato lo schermo di protezione della torta e dovette recarsi all'Hotel Pierre con fiori e glassa extra.

Lei avverte la sposa: "Sei un ospite". Bisogna lavorare a qualcosa che soddisfi il palato degli ospiti. Optando per una multistrato, per esempio, si possono avere più torte, di diversa varietà. Gli ospiti che non potranno mangiarne uno, potrebbero mangiare l'altro. Alla domanda “A quale cambiamento ha assistito nel settore?”, sottolinea quanti suoi imitatori pensino di essere pasticcieri, ma non lo sono. Non hanno l'abilità o non usano gli stessi ingredienti di qualità. “La maggior parte usa il fondant. Io odio il fondant”, dichiara, specificando che usa solo crema al burro. “La torta è il fiore all’occhiello di una cerimonia. La maggior parte delle persone non ricorda il cibo, la musica o i fiori, ma solo la torta, anche dopo 30 anni”, racconta, dicendo di amare molto il momento del taglio. Con romanticismo, ricorda che è il primo atto di qualcosa di molto dolce che si fa insieme come coppia, appena dopo la cerimonia.

 

Tratto da www.nytimes.com

Credits photo Chase Hall for The New York Times

merlin_155137116_1935a1af-40b4-43a2-abbb-75e260e22cbb-jumbo.jpg

Letto 300 volte Ultima modifica il Mercoledì, 19 Giugno 2019 09:07

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

SCARICA LA NOSTRA APP

pi_app.jpg
ce_app.jpg

Visita il nostro E-Shop

Visita il nostro E-Shop
Copyright © - 1998-2019 Chiriotti Editori s.r.l. All rights reserved
Viale Rimembranza, 60 - 10064 Pinerolo - To - Italy Tel. +39 0121 393127 - Fax +39 0121 794480 Partita Iva e Codice Fiscale 01070350010